Per parecchi anni rimase il grosso dubbio : Universo del Big Bang od Universo Stazionario !
George Lemaitre (1894-1966) considerò le osservazioni di Edwin Hubble (1889-1953) di un Universo in espansione come prova che il modello di creazione del Big Bang fosse corretto. Albert Einstein (1879-1955) cambiò la sua idea originaria e sostenne il modello del Big Bang. Mentre la maggior parte degli scienziati continuò a credere nel modello tradizionale di un Universo Stazionario in quanto criticavano il modello del Big Bang perché sosteneva un universo più giovane delle stelle che lo abitavano (!). Spettava ai sostenitori del Big Bang trovare qualche prova per dimostrare la correttezza della loro teoria, altrimenti l’Universo Stazionario sarebbe rimasto l teoria dominante.
Wilhelm Baade (1893-1960) e Allan Sandage (1926-2010) ricalibrarono la scala delle distanze delle galassie e dimostrarono che in realtà il Big Bang prevedeva un universo molto vecchio e compatibile con l’età della stelle e delle galassie.
La comunità astronomica mondiale risolse il problema della nucleo sintesi : gli elementi pesanti si formavano nelle stelle morenti , mentre gli elementi leggeri si formarono subito dopo il Big Bang. Per questo problema grande fu il contributo di Sir Fred Hoyle (1915-2001) che credeva nell’Universo Stazionario e che utilizzò per primo, quasi per dileggio , il termine di Big Bang.
Negli anni sessanta del secolo XX, gli astronomi usarono la radioastronomia e scoprirono nuove galassie che si trovavano solo nelle remote distese dell’universo. Una distribuzione irregolare delle galassie dava torto al modello dello stato stazionario, che sosteneva l’universo uguale ovunque e in ogni momento.
A metà degli anni sessanta del secolo XX, Arno Allan Penzias (nato nel 1933) e Robert Wilson (nato nel 1936) scoprirono casualmente la radiazione di fondo CMB (residuo del Big Bang) prevista da Ralph Alpher (1921-2007) ,George Gamow ( 1904-1968) e Robert Herman (1914-1997) nel 1948. Si trattava di una ulteriore prova in favore del Big Bang. Questa serendipità valse a Penzias e Wilson il Premio Nobel nel 1978. Il modello del Big Bang riceveva sempre più consensi.
Nel 1992 il satellite COBE (Cosmic Background Explorer), scoprì alcune minuscole variazioni della radiazione di fondo CMB proveniente da diverse zone del cielo, che indicavano lievi variazioni di densità nell’universo primordiale, le quali avrebbero portato alla formazione delle galassie.
Il passaggio da un modello di Universo Stazionario ad un modello che prevedeva il grande botto, il Big Bang, era ormai completo.
Il modello del Big Bang era esatto ! Ma non è mai detta l’ultima parola, o no !

URANIO

CONTATTI

We're not around right now.

Sending

©2021 Osservatorio Galilei Tutti i diritti riservati. Relizzazione Web

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account

Navigando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Clicca il link seguente per consultare la documentazione su cookie e GDPR maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo e la relativa informativa GDPR.

Chiudi